Home > Argomenti vari > I minori rom principali vittime della tratta esseri umani

I minori rom principali vittime della tratta esseri umani

14 Dicembre 2007

Roma, 13 dicembre. In Italia sono i minori rom romeni le principali vittime della tratta di esseri umani a scopo di attività illegali, mentre provengono principalmente da Nigeria, Romania e Moldavia, le ragazze vittime dello sfruttamento sessuale, per lo più adolescenti o appena maggiorenni.
Sono questi alcuni dei caratteri distintivi della tratta di esseri umani in Italia, secondo quanto emerso oggi dalla Conferenza Internazionale sulla tratta di esseri umani. Un incontro di studio e confronto sul fenomeno sia in Italia che in alcuni paesi europei e sulla normativa in materia, promosso da Save the Children, nell’ambito del progetto Agis, in collaborazione con la partnership del progetto europeo Equal-Osservatorio Tratta coordinato dall’Associazione On the Road.

PRESENTATO PROFILO IDENTIFICAZIONE DEI MINORI VITTIME DI SFRUTTAMENTO
Secondo i dati ufficiali sono 11.226 le vittime della tratta fra il 2000 e il 2006, di cui 619 minori, mentre risultano 8.056 le persone denunciate fra il 2005 e il 2006 per i reati con-nessi alla tratta di esseri umani. Ma queste cifre sono ampiamente sottostimate, avver-tono le associazioni, e non rendono conto di un fenomeno molto più vasto e articolato.
Un rapporto che fotografa una realtà italiana di sfruttamenti emersa dopo sei anni di ricerche e attività, raccogliendo le esperienze delle vittime che dal 2000 al 2006 sono entrate in contatto con istituzioni e organizzazioni del privato sociale.
Nella maggioranza dei casi si tratta di persone costrette a prostituirsi.
Sensibile anche il coinvolgimento di minori, anche con meno di 14 anni e spesso di etnia rom soprattutto nel caso di sfruttamento allo scopo di furti, borseggi o mendicità.
In Italia il traffico di esseri umani destinati allo sfruttamento sessuale ha allargato negli ultimi dieci anni i Paesi coinvolti: Romania, Bulgaria, Moldavia, Ucraina ma anche Nigeria, Gabon o Senegal. Con la Cina ultima arrivata.
E lo sfruttamento si avvale di una rete di gruppi criminali ben organizzata con collegamenti transnazionali. Una criminalità non più dilettantistica che ricorre spesso a forme coercitive violente a strategie più raffinate e che non usa più solo la strada per sfruttare le sue vittime, bensì appartamenti o locali notturni.
Un’organizzazione che ha visto crescere inoltre il collegamento tra la tratta e altre attivita’ criminali, con la diversificazione degli ambiti di sfruttamento: non solo sfruttamento della prostituzione ma anche altre attività illegali.
Durante la conferenza le associazioni impegnate nelle ricerche hanno inoltre tracciato il profilo dei minori vittime della tratta, per la cui tutela Save the Children ha presentato il primo Protocollo di identificazione e supporto, destinato a forze dell’ordine, magistrati e operatori per facilitare l’identificazione dei minori vittime dello sfruttamento, spesso invece scambiati e trattati come minori dediti ad attività criminali.

>> Tratta di esseri umani: in Italia migliaia gli adulti e i minori coinvolti non solo nello sfruttamento sessuale ma anche in attività illegali, mendicità, lavoro coatto

Save the Children, 13 dicembre

 

Un fenomeno transnazionale, gestito anche da gruppi fortemente organizzati e i cui ambiti di sfruttamento sono sempre più differenziati e vari: da quello sessuale, a quello in attività illegali, a quello lavorativo. Sensibile il coinvolgimento di minori, anche con meno di 14 anni e spesso di etnia rom soprattutto nel caso di sfruttamento allo scopo di furti, borseggi o mendicità. In aumento i paesi di provenienza delle vittime, adulte o  minorenni:  Romania, Bulgaria, Moldavia, Ucraina ma anche Nigeria, Gabon o Senegal.


Sono questi alcuni dei caratteri distintivi della tratta di esseri umani  in Italia, secondo quanto emerso oggi dalla Conferenza Internazionale sulla tratta di esseri umani. Un importante incontro di studio e confronto sul fenomeno sia in Italia che in alcuni paesi europei e sulla normativa in materia, promosso da Save the Children, nell’ambito del progetto Agis,  in collaborazione con la partnership del progetto europeo Equal-Osservatorio Tratta coordinato dall’Associazione On the Road*.


"La tratta costituisce una gravissima violazione dei diritti di migliaia di adulti e di minori, diritto alla vita, all’integrità fisica e psichica, alla salute", spiega Carlotta Sami, Direttore dei Programmi di Save the Children Italia. "Chi è vittima di tratta, tanto più se è un bambino, vive una tale condizione di segregazione e violenza da diventare invisibile e difficilmente raggiungibile e identificabile anche da parte di chi, polizia, autorità giudiziarie, operatori so-ciali , è chiamato ad aiutarlo. E’ quindi necessario", continua, "promuovere la massima colla-borazione fra tutti gli attori coinvolti in questo delicatissimo compito e che siano stabiliti degli standard condivisi per la identificazione e il supporto delle vittime di tratta. Come Save the Children abbiamo provveduto a redigere il primo protocollo per l’ identificazione e il supporto di questi minori, che ci auguriamo contribuisca alla loro individuazione e protezione".


"Anche sulla base delle ricerche che abbiamo realizzato e che oggi presentiamo, la tratta di essere umani in Italia appare un fenomeno quanto mai complesso, sempre più organizzato e articolato", commenta Isabella Orfano, componente di Osservatorio Tratta e curatrice di uno dei due volumi presentati riguardante i diversi fenomeni di tratta presenti nel nostro Paese. "È quindi fondamentale prima di tutto approfondirne la conoscenza, essendo in gran parte un fenomeno sommerso e che sfugge alle statistiche ufficiali. In secondo luogo", prosegue, "bisogna rendere omogenee e pienamente operative le norme già esistenti a tutela delle vittime di tratta, con particolare riferimento all’applicazione sul territorio italiano del permesso di soggiorno per motivi umanitari. Uno strumento all’avanguardia nel panorama europeo ed internazionale ma la cui efficacia rischia di essere compromessa dalle interpretazioni notevolmente diversificate che ne danno gli organi competenti: questure in primo luogo, ma anche Prefetture e Procure della Repubblica".


- LA TRATTA IN ITALIA
Come si legge nella ricerca su La tratta di persone in Italia. Evoluzioni del fenomeno e ambiti di sfruttamento  realizzata nell’ambito del progetto Equal-Osservatorio Tratta coordinato dall’Associazione On the Road, i dati ufficiali  parlano di 11.226  le vittime di tratta fra il 2000 e il 2006, di cui 619 minori, mentre risultano 8.056   fra il 2005 e il 2006 le persone denunciate specificatamente per i reati connessi alla tratta di esseri umani. Tuttavia tali numeri sono  ampiamente sottostimati e non rendono conto di un fenomeno molto più vasto e articolato . Per quanto riguarda la tratta a scopo di sfruttamento sessuale, documenta la ricerca, si registra a partire dagli anni ’90 un graduale aumento del numero di paesi di origine coinvolti (per esempio Albania, Romania, Moldavia, Ucraina, Russia, Cina, Nigeria) e l’affiancarsi allo sfruttamento in strada di quello al chiuso in appartamenti e locali notturni. Sono poi cambiati l’organizzazione delle reti criminali e i metodi di reclutamento, controllo e sfruttamento con un passaggio da gruppi criminali semi-dilettantistici a gruppi fortemente organizzati con collegamenti transnazionali, e con il passaggio da forme coercitive particolarmente violente a strategie più sottili, basate anche sulla concessione alle vittime di un margine di contrattualità; inoltre si è assistito al progressivo abbinamento della tratta ad altre attività illecite (traffico di migranti, di droga e di armi) e lecite (es. riciclaggio di denaro sporco attraverso attività commerciali regolari), e alla diversificazione degli ambiti di sfruttamento: non solo quello sessuale, ma anche in attività illegali, lavoro forzato e sfruttamento lavorativo.  Ancora invece non dimostrabile, secondo l’indagine, è l’esistenza in Italia di ulteriori articolazioni di questo business criminale, come la tratta finalizzata all’espianto di organi, benché sia ormai comprovata l’esistenza di un commercio internazionale di organi e di tessuti, sia sottoforma di compravendita di organi tra adulti consenzienti che di viaggi della speranza in paesi in via di sviluppo per effettuare un trapianto illegale. Quanto alla tratta a scopo di adozioni internazionali illegali , lo studio sottolinea come le adozioni illegali, gli abusi e le pratiche irregolari compiute in vari momenti del percorso di adozione internazionale riguardano anche l’Italia, ma il collegamento con la tratta risulta essere molto incerto.


Il profilo dei minori vittime
Su rotte e percorsi analoghi a quegli degli adulti e con modalità simili, giungono in Italia anche molti minori vittime di tratta. Poche centinaia – 619 fra il 2.000 e il 2.006 secondo le uniche statistiche ufficiali disponibili – ma sicuramente molti di più nella realtà, stima Save the Children che nell’ambito del progetto Agis ha coordinato 4 ricerche sul fenomeno della tratta dei minori in Italia, Romania, Bulgaria e Germania.
Provengono principalmente da Nigeria, Romania e Moldavia e sono per lo più adolescenti o neo-maggiorenni di sesso femminile  le vittime della tratta a scopo di sfruttamento sessuale nel nostro paese.
Costrette con l’inganno a firmare un contratto e attraverso particolari riti religiosi ad assu-mersi un impegno anche verso la comunità, le nigeriane vengono ridotte in uno stato di sog-gezione già nel paese d’origine. Quasi sempre prive di un permesso di soggiorno e di un pas-saporto, fanno quindi ingresso in Italia o in aereo o per mare, nel primo caso accompagnate da una trafficante donna, nel secondo da un uomo che esercita o fa esercitare violenza ses-suale nei loro confronti durante il tragitto. Una volta nel nostro paese le ragazze vengono private della libertà e costrette a pagare fra i 30 e i 50 mila euro per riscattarla, prostituen-dosi su strada, sotto il controllo della sfruttatrice o di un’altra vittima indotta a farlo.
Le ragazze provenienti dall’Est Europa, soprattutto da Romania e Moldavia, ma anche da Bulgaria, Repubblica Ceca, Albania, Serbia e Croazia, sono reclutate nel paese d’origine da conoscenti, pseudo-fidanzati o parenti. Vengono in genere convinte a recarsi in Italia con la promessa di un impiego o di una vacanza, ma vi sono anche casi di rapimenti o di trasferimento coatto. Le adolescenti giungono attraverso il confine terrestre, in auto o in pullman o a piedi con un passeur. Una volta in Italia sono costrette a prostituirsi o in strada o negli appartamenti, sottoposte ad una tale violenza psicologica e verbale da  essere ridotte in uno stato di completa soggezione.  E tra le vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, rileva la ricerca di Save the Children, vi sono anche adolescenti rom: ragazze spesso provenienti da Craiova, in Romania, da contesti sociali e famigliari particolarmente svantaggiati, convinte a venire in Italia con l’inganno e poi obbligate a prostituirsi sulla strada, in prossimità dei campi della comunità rom.
Minori rom di origine rumena di entrambi i sessi sono inoltre tra le principali vittime di  tratta a scopo di attività illegali. Hanno per lo più 14 anni e quindi non sono perseguibili penalmente. Reclutati nel paese di origine dietro pagamento ai genitori, agli affidatari o ai responsabili degli istituti per minori soli, vengono condotti in Italia affinché compiano furti e scippi, costretti a vivere in condizioni pessime e a destinare tutti gli incassi allo sfruttatore. Provengono invece da Senegal e Gabon molti adolescenti coinvolti nel trasporto e spaccio di droga, a cui sono indotti con la minaccia, l’inganno e anche violenze fisiche come l’abrasione dei polpastrelli,  rileva la ricerca di Save the Children. Che documenta anche fenomeni di tratta  a scopo di mendicità, di cui sono vittime bambini rom maschi e femmine di origine rumena, reclutati nel paese di origine dal trafficante che paga direttamente le famiglie e che, una volta in Italia, li costringe a mendicare per molte ore al giorno nella stessa postura, anche in condizioni metereologiche sfavorevoli. Esempi di grave sfruttamento lavorativo anche se non di vera e propria tratta sono inoltre documentati da Save the Children e si riferiscono ad adolescenti e neo-maggiorenni maschi di origine magrebina, sub sahariana, albanese, rumena e di altri paesi della ex-Jugoslavia occupati nei settori agricolo e dell’edilizia.  Le ricerche coordinate dall’organizzazione internazionale danno infine conto della tratta di minori in Romania, Bulgaria e Germania: paesi principalmente di origine e transito  delle vittime, i primi due; nazione prevalentemente di destinazione la Germania. Le adolescenti tra i 15 e i 17 anni sono il più delle volte le vittime dello sfruttamento sessuale mentre i minori di 14 anni – talora di etnia rom – sono maggiormente coinvolti  in attività illegali e nella mendicità.


La tutela giuridica delle vittime: un protocollo per l’identificazione dei minori
Dunque siamo in presenza di un fenomeno tentacolare e che sempre più sta allargando il suo raggio di azione, ai danni di migliaia di bambini, adolescenti e donne. Ebbene, quale supporto e protezione la legge italiana riserva alle vittime di tratta, siano esse adulte o minorenni? Come documentato nel volume La tratta di persone in Italia. Le norme di tutela delle vittime e di contrasto alla criminalità, la seconda delle ricerche realizzate nell’ambito del progetto Equal-Osservatorio Tratta coordinato dall’Associazione On the Road, nel nostro paese la normativa anti-tratta (l. 228/2003 "Misure contro la tratta di persone") viene applicata in modo disomogeneo. In particolare ciò vale per il riconoscimento alle vittime del permesso di soggiorno per motivi umanitari.
Secondo un’indagine condotta su 65 delle 103 questure italiane infatti, oltre la metà tende a subordinare il riconoscimento del permesso alla collaborazione della vittima al procedimento penale, secondo una logica "premiale" che prevale sui requisiti della "violenza e grave sfruttamento" e del "pericolo grave, attuale e concreto".  Inoltre restano lunghi i tempi della procedura di rilascio del permesso di soggiorno stesso.
Per quanto riguarda invece specifiche tutele riservate ai minori, uno dei problemi più spinosi resta l’identificazione di coloro che sono vittime di tratta, spesso confusi e trattati alla stre-gua di minori dediti ad attività criminali. Per questo Save the Children ha coordinato la reda-zione del primo Protocollo di identificazione e supporto dei minori vittime di tratta e di sfrut-tamento: a disposizione di forze dell’ordine, magistrati, operatori, presenta, in modo molto schematico, i profili dei gruppi a rischio di tratta e sfruttamento e fornisce la prima lista esau-stiva sviluppata in Italia di indicatori per la identificazione dei minori vittime e in tabelle sinte-tiche descrive gli strumenti di tutela e di protezione delle vittime disponibili nel nostro paese.

 

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa – Save the Children Italia                            
tel. 06.48070023-71;               
press@savethechildren.it  

                            

*Nota. I progetti Agis e Equal-Osservatorio Tratta
Il progetto biennale europeo Agis-Sviluppo di una metodologia sulla identificazione e il supporto a minori vittime di tratta è coordinato da Save the Children Italia, in partnership con Bulgaria Foundation (Bulgaria), Landes-Caritasverband Bayern e. V. (Germania), Save the Children Romania (Romania). Si propone:  di sviluppare metodologie e tecniche basate sui diritti dei minori per intervistare correttamente, identificare e fornire adeguato supporto e assistenza ai minori vittime di tratta e grave sfruttamento; di promuovere la conoscenza sul fenomeno e le competenze professionali dei soggetti deputati a contrastarlo e ad aiutare e proteggere i bambini e gli adolescenti che ne sono vittima. Il progetto europeo Equal-Osservatorio Tratta, è coordinato dall’Associazione On the Road in partnership con Save the Children Italia, Azienda ULSS 16 di Padova, Censis, CNCA, Comune di Venezia, Università di Torino – Dipartimento di Scienze Sociali, IRS, Irecoop Veneto, Consorzio Nova, Provincia di Pisa.  Ha come obiettivo, tra gli altri, di approntare strumenti di ricerca e di rilevazione dei dati sul fenomeno, di approfondirne la conoscenza, di creare dei modelli di intervento e degli iter formativi delle diverse figure professionali coinvolte.

SAVE THE CHILDREN ITALIA
Save the Children Italia è una ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale). E’ presente in Italia dalla fine del 1998 e, dalla primavera del 2000, ha una sede operativa a Roma. L’Organizzazione Internazionale è impegnata a tutelare e promuovere i diritti dei bambini anche nel nostro paese, concentrandosi su situazioni dell’infanzia particolarmente svantaggiate o difficili. La lotta al razzismo e alla discriminazione, le iniziative in risposta alla drammatica condizione dei minori coinvolti nel traffico degli esseri umani, la non facile situazione dei bambini che, per diversi motivi, si trovano in Italia senza la propria famiglia, sono solo alcune delle iniziative nelle quali Save the Children è impegnata attivamente.
Via Volturno, 58 – 00185 Roma
Tel: (+39) 06.480.7001

> RIFERIMENTI
Arrestati sfruttatori di bambini rom costretti a rubare
Romano Lil, 12 dicembre 2007
Milano, 11 dicembre. La polizia ha sgominato una banda di sfruttatori di minori. 25 Romeni di etnia Rom incriminati dei reati di riduzione in schiavitù, tratta di minori, furto, rapina, gioco d’azzardo ed usura. 25 ordinanze di custodia cautelare (19 arrestati) dei componenti l’organizzazione criminale che operava tra Milano, Venezia, Pescara, Ancona e Bologna sfruttando 34 minorenni che, trasportati dalla Romania in Italia, erano costretti a commettere furti, scippi e rapine in località affollate di turisti fruttando ciascuno un guadagno giornaliero pari ad una cifra compresa tra i 500 ed i 1000 euro.
> MEMORIA
Gioventù bruciata: l’adolescenza rubata ai Rom

Romano Lil, 14 dicembre 2006
Scandiano, Reggio Emilia: due nomadi di appena 8 e 11 anni, sono stati bloccati dalle forze dell’ordine dopo aver messo a segno un furto in una abitazione. Forlì: quattro nomadi, fra cui due minorenni, picchiano due 16enni per appena 10 euro. Napoli: due nomadi minorenni arrestate per tentato furto. Crema: un ragazzo e una ragazza minorenni, sono stati sorpresi ieri pomeriggio a rubare in un appartamento di via IV Novembre. Save the children: i minori romeni e rom nel nostro paese costituiscono un gruppo marginalizzato a più alto rischio di sfruttamento e abuso.

Categorie:Argomenti vari Tag:
I commenti sono chiusi.